Perchè una concessionaria paga meno la tua auto usata

Per comprendere a pieno il ragionamento bisogna partire da un concetto fondamentale, se vuoi vendere la tua auto usata ad una concessionaria o ad un compro auto con regolare partita IVA lo fai solo perchè non hai tempo o voglia di fare una vendita da privato.

Questo vuol dire che dovrai per forza vendere la tua auto ad un prezzo piu basso rispetto a quello che leggi su Autoscout24 o Subito, chi compra la tua auto lo fa per guadagnare sulla futura rivendita, se non ti è chiaro questo concetto continua a leggere l’articolo, sono sicuro capirai il perchè una concessionaria è obbligata a pagare meno la tua auto usata.

Quali e quante spese sostiene una concessionaria

Una delle domande che ci viene posta spesso riguarda proprio il prezzo che proponiamo per un’auto usata, molti venditori privati non accettano e non capiscono il motivo per il quale una concessionaria o un auto salone proponga un’offerta più bassa rispetto al valore che si potrebbe realizzare vendendo lo stesso veicolo ad altri acquirenti privati tramite servizi come Autoscout24 o Subito.

Credo sia corretto dimostrare la realtà delle cose attraverso i numeri che difficilmente mentono. Una concessionaria ha svariate spese da sostenere quando acquista un auto usata da privato, le più importanti ed inderogabili sono queste:

  • Mini voltura (passaggio di proprietà di un veicolo da un privato ad una concessionaria) costo che varia da 115,00€ a 150,00€ sempre a carico dell’acquirente.
  • Tagliando del veicolo (indispensabile quando si rivende un auto) costo variabile in base al livello dell’automobile da 150,00€ a 350,00€
  • Garanzia obbligatoria (limitata ad un periodo comunque non inferiore ad un anno) costo variabile in base al livello del veicolo da 200,00€ a 550,00€
  • Tasse (imposte statali obbligatorie sulla vendita di beni o servizi) costo che varia dal 35% al 42% sulla plusvalenza (acquisto/vendita).
  • IVA da versare: su ogni plusvalenza si paga il 22% di imposta allo stato.
  • Costi di gestione: spese per il personale, affitto o mutuo, assicurazioni varie, servizi online ecc non quantificabili.

Quanto guadagna una concessionaria sulla vendita di un’auto usata

Nell’immaginario popolare si pensa che se una concessionaria acquista un’auto a 10.000€ e poi la rivende a 12.000€ la stessa guadagna 2.000€ netti.

Niente di più sbagliato e lontano dalla realtà, chi ragiona in questo modo non ha la minima idea di quali siano i reali costi sulla compravendita di un’auto usata da parte di una società con regolare P.IVA.

Esempio pratico costi vivi concessionaria

Esempio pratico: una concessionaria acquista un’auto a 10.000€ e dopo un paio di mesi la rivende a 12.000€ creando cosi una plusvalenza di 2.000€

La plusvalenza di 2.000 euro deve essere così suddivisa: 1.636,00€ rappresentano la base imponibile per le tasse, mentre 364,00€ rappresentano l’IVA da versare. Quindi in sintesi, su 2000 euro di margine (plusvalenza), 364 vanno versati allo stato per l’IVA e 572,60 (ipotizzato il margine più basso ovvero il 35%) devono essere pagati allo stato per le imposte (tasse).

Dunque, su un ipotetico “guadagno” di 2.000,00€ tra acquisto e vendita dell’auto, di fatto in tasca, tolto tasse ed IVA, rimangono euro 1063,40€ ai quali vanno dedotti i sopracitati costi vivi obbligatori (mini voltura, tagliando e garanzia), oltre ovviamente ai costi di gestione (affitto, assicurazione, personale ecc).

Numeri alla mano, quella che segue è la migliore ipotesi di guadagno per una concessionaria su 2000,00€ di plusvalenza:

  • Utile al netto di tasse e IVA: 1063,40€
  • – 115€ per la mini voltura
  • – 150€ per il tagliando
  • – 200€ garanzia obbligatoria per legge
  • Totale senza aver dedotto costi di gestione: 598,40€

La concessionaria si prende il totale rischio d’impresa

Abbiamo visto come matematicamente, di quei famosi 2.000€ iniziali, alla concessionaria sono rimasti momentaneamente “in tasca” 598,40€, ma non abbiamo ancora dedotto i costi di gestione (affitto, assicurazione, spese per il personale ecc) che sono difficilmente quantificabili, proprio perchè variano da azienda ad azienda, ma che qualunque società deve sostenere per mantenere la propria struttura di vendita.

Realisticamente su una plusvalenza di 2.000€ una concessionaria guadagnerà al massimo 400,00€ questa è la realtà delle cose.

Tieni inoltre presente che un’auto usata viene venduta in media dopo 57 giorni, ma ci sono auto con poco mercato che restano in giacenza per periodi più o meno lunghi, in questo caso la concessionaria potrebbe rischiare di azzerare il margine di utile ed uscire addirittura in perdita,

Ipotesi più che probabile se si compra in momenti di crisi, l’attuale pandemia Covid-19 ha spinto il mercato dell’auto in una crisi senza precedenti.

Per intenderci, l’anno scorso a Giugno, si stimava di vendere un’Audi A3 in 52 giorni, ad oggi le stime di vendita per lo stesso veicolo sono di circa 200 giorni. Vuol dire che i tempi di vendita si sono quadruplicati, il problema è che nessuno sà se e quando rivedremo numeri pre coronavirus. In fase di acquisto questi dati contano parecchio.

Quanto paga la mia auto una concessionaria

Alla luce di questi numeri, penso sia chiaro il motivo per il quale una concessionaria non può mai offrire ad un privato il prezzo che lo stesso trova su Autoscout24 o Subito.

Visto quanto descritto è normale ed ovvio che l’offerta d’acquisto proposta da un concessionario per la tua auto usata sarà in media del 20/25% più bassa rispetto al prezzo che puoi leggere su portali come Autoscout24, (attenzione parliamo di prezzi in algoritmo almeno ottimo prezzo).

Esiste la possibilità di vendere privatamente il tuo veicolo cercando di spuntare un po’ di più, ma questa strada non è certo esente da rischi e non è per niente detto che anche un acquirente privato non tratti il prezzo al ribasso, in realtà è normale succeda.

Perchè online trovo offerte molto alte per la mia auto usata

Online proliferano come funghi operatori che permettono di valutare la propria automobile in modo automatico, quasi sempre queste valutazioni sono altissime ma ingannevoli. Prova ne è il fatto che le recensioni di questi colossi, che si pubblicizzano anche su giornali e TV, sono pessime,

Non di rado, chi ha dato seguito all’allettante proposta di acquisto online, passando per la perizia, ne è uscito infuriato: queste sono le recensioni di uno dei più grandi operatori online, credo non ci sia nulla da aggiungere.

Noi a differenza di costoro, possiamo vantare recensioni a 5 stelle, frutto di un lavoro serio ed onesto, diversamente nessuno ci premierebbe. Chiudo con il sottolineare la nostra politica: se l’auto è come descritta noi paghiamo sempre quello che abbiamo offerto e lo facciamo immediatamente.

Quanto si svaluta un’auto usata (valore residuo)

La tua automobile usata ha un valore, esistono parametri molto chiari per dare un prezzo ad un veicolo usato, uno di questi si chiama valore residuo.

Altri importanti mezzi per valutare un’auto usata sono: Eurotax (non Quattroruore quello è un giornale!), anche se ultimamente va molto di moda dare un valore ad una macchina usata usando come termine di paragone il prezzo che si trova su Autoscout24.

Ad ogni modo quella che segue è la svalutazione ordinaria di un veicolo:

  • Un’auto nuova dopo 1 anno si svaluta del 25% e quindi vale il 75% di quanto l’hai pagata.
  • Dopo 2 anni questa si svaluta del 15% e quindi vale il 60%.
  • Dopo 3 anni si svaluta del 10% e quindi vale il 50%.
  • Passati 4 anni si svaluta del 7,5% e quindi vale il 42,5%.
  • Dopo 5 anni si svaluta del 7,5% e quindi vale il 35%.
  • Dopo 6 anni si svaluta del 7,5% e quindi vale il 27,5%.
  • Trascorsi 7 anni si svaluta del 7,5% e quindi vale il 20%.
  • Dopo 8 anni si svaluta del 7,5% e quindi vale il 12,5%.

Per guadagnare il massimo vendi la tua auto usata ad un privato

Se vendi ad una concessionaria avrai importanti vantaggi (pagamento immediato, pratiche burocratiche azzerate ecc), ma come detto, non potrai mai ricavare gli stessi soldi che potresti ricavare vendendo la tua auto ad un altro soggetto privato.

Se vuoi provare a ricavare più soldi puoi vendere la tua auto da solo, per far ciò dovrai armarti di pazienza ed avere molto tempo a disposizione. Per avere successo dovrai proporre la tua automobile ad un prezzo interessante, fare fotografie accattivanti ed inserzionarle sui più importanti siti di vendita automobili.

Dovrai mantenere il veicolo sempre pulito internamente ed esternamente, dovrai evadere le richieste con puntualità e precisione, ricorda che spesso sabato e domenica dovrai aspettare il futuro cliente, un’estraneo, con il quale intavolare una trattativa. Non sarà una passeggiata.

Quando finalmente avrai trovato un compratore privato fidato, disposto ad acquistare il tuo veicolo al prezzo che ritieni corretto, dovrai stare molto attento al pagamento, sono sicuro saprai quante truffe vengono perpetrate ogni giorno tra privati.

Ed infine il passaggio di proprietà, vincolo burocratico inderogabile e da fare seguendo perfettamente la legge per non incorrere in pesanti sanzioni amministrative.

Se pretendi soldi per la tua auto presenta un veicolo perfetto

Un ultimo appunto, quasi sempre chi ci contatta non manca di lodare lo stato del proprio veicolo, come se non fosse normale proporre automobili usate in perfetto stato di salute. Parliamo di auto usate non di auto da rottamare!

Voglio ricordare che è buona norma vendere un bene integro, funzionante e privo di difetti. Immagino che tu stesso non compreresti mai un qualsiasi bene se, usurato, difettoso e rotto, a meno che questo non abbia un prezzo molto più basso.

Per queste ragioni non ha nessun senso descrivere il proprio veicolo come perfetto, semplicemente è normale e giusto che lo sia, come è normale e giusto che chi compra ti paghi con soldi veri e non falsi.

Ti potrebbe interessare anche:

Menu

Questo sito fa uso di cookies propri e di terze parti per scopi tecnici e per raccogliere dati statistici anonimi sulla navigazione, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Nessun dato raccolto avrà finalità di profilazione o remarketing. Continuando a navigare su questo sito accetti il nostro utilizzo dei cookie. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Informativa sulla Privacy